Versão Português English version Version française

NEWS

     

Tutte le notizie

>
 

Pilote > Etienne Mordret

Etienne-Mordret-KF3.jpg

 

Après avoir découvert la piste de Zuera en X30, Etienne Mordret a retrouvé le tracé espagnol qu'il apprécie pour son premier Championnat d'Europe KF3. Il était déjà tout heureux de pouvoir participer à cette compétition, avant même d'obtenir sa qualification pour les phases finales. Alors sa 13ème place en finale restera un excellent souvenir plein de promesses pour un pilote qui roulait encore en Minime six mois en arrière.

 

L'épreuve a été parfaitement préparée avec Cédric Boisroux: le Zanardi/Parilla ne nécessite que quelques petits réglages pour rouler devant. Etienne apprend progressivement à transmettre son ressenti en piste à son équipe, cela l'intéresse et il aime comprendre comment fonctionne sa machine. Les décisions se prennent après des discussions où le pilote a son mot à dire.

 

Durant les essais libres du Championnat d'Europe, le nom de Mordret occupe le haut des feuilles de temps et fait parler dans un paddock où il n'est pas encore connu. Etienne obtient le 5ème chrono de son groupe et pointe 22ème au général parmi 81 pilotes. Impressionné par l'enjeu dans sa première manche qualificative, le pilote CBK n'est pas encore assez incisif face à ses adversaires. Il se reprend dans la manche suivante mais se fait littéralement monter dessus par un kart alors qu'il était 4ème. Les choses rentrent dans l'ordre pour les manches 3 et 4, Etienne se libère et attaque. Il se qualifie pour les phases finales, en 32ème position à cause de son abandon de la manche 2.

 

A nouveau affecté par la rudesse de la compétition en préfinale, il ne parvient pas à donner le meilleur de lui-même et se contente d'une modeste 26ème place. En finale tout rentre dans l'ordre, Etienne se prend au jeu et attaque sans arrière pensée. « C'était le pied, je me suis lâché, explique-t-il tranquillement. J'ai doublé tout ce que je pouvais, je suis remonté de 13 places et voilà. Finir 13ème pour mon 1er Championnat d'Europe, c'est super ! »

 


Site officiel: etienne-mordret.fr

 

 

Info Kartcom / © Photo KSP


Pilot > Beitske Visser

Beitske-Visser-grid-KZ1.jpg

 

Beitske Visser came to the Zuera circuit determined to claim a podium at the last round of the WSK Euro Series 2011 and the Dutch female karter had certainly the skills to fulfil her goal at the wheel of her Intrepid-Praga motorised by TM-Tecsav.


"I had just the time to finish preparing my equipment and I started a bit late in the timed qualifying session, so I could only set two fast laps. But despite all this, I claimed sixth place, which was pretty encouraging. But during the races, I never managed to make a good start. Due to the heat, there was a lot of tyre rubber on the track, and on the start grid the chassis were literally glued to the ground! When I let the clutch up, the kart moved with some difficulty. So I lost a few places in the first heat finishing seventh, though things went better in the following heat, with a second place. In Final 1, I had again a difficult start and was fairly satisfied to climb through from tenth, where I was on the first lap, to fourth (third in KZ1). I was also the fastest on the track but the three leaders had opened up too big a gap for me to bridge".

 

Beitske-Visser-KZ1.jpg

 

"On Sunday, I finally made a good start on the first heat. But since I started a fraction of second too early, I was handled a 10 second penalty - I had arrived first with the fastest lap in the race", Beitske regretted. Forced to start from 12th, she brilliantly passed several competitors and moved up to 4th, again with the fastest lap time in the race. Just 11th in the combined classification of the two heats, she  climbed to 6th in Final 2. She did not make it to the podium but her extremely high level of competitiveness and her great fighting spirit bode well for the World Cup for KZ1, the major appointment of the 2011 season to be held in Belgium in September.

 

Official: www.beitskevisser.com

 

 

Info Kartcom / © Photo KSP


Evento Nazionale > Italia

Lonato_KF3_Fuoco.jpg

 

Vincitori delle finali: Pizzuti e Federer in KZ2, Santilli e Moretti in KF2, Lorandi e Fuoco in KF3, Dionisios nella 60 Mini. In campionato Federer in KZ2 e Pezzolla in KF3 si confermano leader delle graduatorie, mentre in KF2 passa in testa Santilli. Nella 60 Mini Garofano prende il largo.

E’ stata ancora una grande giornata di sport quella vissuta per la quarta prova del Campionato Italiano CSAI Karting alla Pista South Garda Karting, con circa 160 piloti a sfidarsi sui 1.010 metri del circuito bresciano in un appuntamento che si è rivelato decisamente molto importante per le classifiche del Tricolore.

Le doppie quattro finali per le categorie KZ2, KF2, KF3 e 60 Mini non hanno tradito le aspettative di chi cercava lo spettacolo, amplificato anche dall’arrivo di qualche goccia di pioggia nel pomeriggio che ha costretto a far disputare la finale della KF3 in due frazioni di gara.

 

E’ stata ancora una grande giornata di sport quella vissuta per la quarta prova del Campionato Italiano CSAI Karting alla Pista South Garda Karting, con circa 160 piloti a sfidarsi sui 1.010 metri del circuito bresciano in un appuntamento che si è rivelato decisamente molto importante per le classifiche del Tricolore.
Le doppie quattro finali per le categorie KZ2, KF2, KF3 e 60 Mini non hanno tradito le aspettative di chi cercava lo spettacolo, amplificato anche dall’arrivo di qualche goccia di pioggia nel pomeriggio che ha costretto a far disputare la finale della KF3 in due frazioni di gara.
 
Nella categoria più prestazionale, la KZ2, ad aggiudicarsi la vittoria in gara-1 è stato il marchigiano Marco Pizzuti (Birel-Tm), favorito anche dalla griglia invertita nelle prime 8 posizioni dopo le manches di qualificazioni. Pizzuti sul traguardo ha preceduto il veneto Marco Zanchetta (CKR-Tm) e l’altro marchigiano Alessandro Giulietti (Tony Kart-Tm), mentre il leader di classifica, l’altoatesino Fabian Federer (CRG-Tm), non è riuscito a far meglio dell’ottavo posto. Federer si è preso poi la rivincita in gara-2, andando subito in testa dalla pole position per allungare senza problemi sugli avversari. Un incidente alla prima curva ha messo fuori causa Zanchetta e anche Bressan in un contatto con Giulietti. La lotta si è sviluppata per le altre due posizioni del podio, che sono andate all’austriaco Marcel Mueller (CRG-Tm) e allo stesso Giulietti, che dopo l’incidente iniziale con Zanchetta è riuscito a recuperare fino al terzo posto. La quarta posizione è andata a Alberto Cavalieri (Intrepid-Tm), quinto ha concluso Matteo Ghidella (Maranello-Tm), mentre Matteo Massatani (CRG-Tm) si è piazzato sesto dopo aver occupato inizialmente la terza posizione.
In campionato Federer ora ha ulteriormente allungato portandosi a 198 punti, con 70 punti di vantaggio su Bressan e 94 su Zanchetta.
 
La KF2 si è distinta ancora una volta per un acceso agonismo. Alla fine ad avvantaggiarsi è stato l’abruzzese Alessio Santilli (Intrepid-Tm), vincitore di gara-1 e giunto secondo in gara-2 alle spalle del milanese Marco Moretti (Maranello-Tm). Con questo doppio podio ora Santilli è passato in testa al campionato approfittando anche del ritiro patito in gara-1 da Gianni Vigorito (Birel-Bmb) per un problema tecnico. Vigorito poi in gara-2 ha recuperato dal fondo dello schieramento ma si è dovuto accontentare del sesto posto.


Nella prima finale, il podio dopo Santilli era stato completato dai due fratelli Moretti, Andrea e Marco. Quest’ultimo poi appunto è riuscito a vincere gara-2, davanti a Santilli e alla sorprendente polacca Rdest Malgorzata (Tony Kart-Bmb). Molto combattivo si è rivelato anche il veneto Nicola Marcon (Tony Kart-Vortex), che si è ripreso molto bene dopo l’incidente nella scorsa gara di Viterbo. Marcon si è piazzato sesto in gara-1 e quinto in gara-2 davanti a Vigorito.


In classifica Santilli ora ha un vantaggio di 10 punti su Vigorito, 50 punti su Marco Moretti e 58 su Marcon. Quinto in campionato è Alberto Di Folco, al quale sono stati confermati i suoi 78 punti per aver vinto l’appello per la squalifica della prima gara di Sarno.
 
La KF3, nel duello al vertice fra Federico Pezzolla (Intrepid-Tm) e il pilota di casa Luca Corberi (Tony Kart-Vortex), ha visto inserirsi il calabrese Antonio Fuoco, detto “Speedy”, su Tony Kart-Vortex del team Morsicani, vincitore di gara-2, e Alessio Lorandi, anche questi su Tony Kart-Vortex del team Baby Race, vincitore di gara-1, ambedue alla loro prima partecipazione nel campionato italiano.
In gara-1 Lorandi ha preceduto sul traguardo Nicolò Balsamo (Birel-Bmb) e Lorenzo Paggi (Tony Kart-Tm), con Corberi quinto e Pezzolla settimo. Nella seconda gara, disputata su due manches per un’interruzione dovuta a una leggera pioggia, è stato invece Fuoco a imporsi davanti al brasiliano Thiago (Energy-Tm) e a Pezzolla, dopo uno scambio di posizioni nella prima parte di gara. Balsamo si è piazzato quarto, davanti a un ottimo Antonio D’Angelo. Corberi è giunto nono. Lorandi è stato squalificato per un incidente di gara dopo che si era piazzato sesto.


In campionato Pezzolla ora ha preso un vantaggio di 74 punti su Corberi e 78 su Balsamo.
 
Nella 60 Mini in ambedue le finali si è imposto il romeno Marcu Dionisios (Top Kart-Lke). In gara-1 Dionisios ha preceduto Guven Ayhancan (Top Kart-Parilla) e il campano Remigio Garofano (Top Kart-Lke), in gara-2 il podio è stato invece completato dal russo Robert Shwartzman (Birel-Lke) e Alessandro Stura (Top Kart-Parilla), con Garofano quarto.
In campionato (riservato ai piloti con licenza nazionale) Garofano ha così ancor di più incrementato il proprio vantaggio.
 
Prossimo appuntamento il 28 agosto a Sant’Egidio alla Vibrata (Teramo) con l’aggiunta anche della categoria 60 Baby che disputerà una gara in prova unica.

 

Tutte le classifiche sul sito www.acisportitalia.it

 

 

Info et Photo ACI Sport - Fernando Morandi


Presse > France

07/08/11 - 11:24

Antoine le Pilote

Antoine_le_pilote.jpg

 

Déjà connu des 4-8 ans par ses bandes dessinées, "Antoine le Pilote" possède désormais son magazine bimestriel. Sorti en juin, le numéro 1 reste d'actualité pendant l'été pour distraire les plus jeunes et leur transmettre le virus de la course automobile. Produit par le groupe Hommel, "Antoine le Pilote" a aussi son site internet où l'on retrouve des activités pour les jeunes lecteurs, la collection de BD et un formulaire d'abonnement en ligne. Il est par ailleurs possible de se faire une idée du contenu en feuilletant des extraits du magazine en ligne par ici.

 

 

Info Kartcom


Tutte le notizie

>
 
Facebook Twitter Google+ Pinterest

Connessione

Partner