Versão Português English version Version française

COMUNICATI

ENERGY Corse - Comunicato n°61

La 23a edizione della Winter Cup a Lonato così come la WSK Super Master Series a La Conca sono state, ancora una volta, l'occasione per dimostrare che il telaio e il team Energy Corse rimangono un riferimento internazionale fondamentale. Ottimamente rappresentato in tutte le categorie nella finale di Lonato, il marchio Energy si è regalato una magnifica doppietta nella Mini Rok con la promessa italiana Andrea Antonelli e il polacco Karol Pasiewicz del team Revolution Motorsport! E alla WSK nella 60 Mini, Antonelli ha conquistato una nuova vittoria, mentre il russo Kirill Kutskov, altro membro della scuderia ufficiale, è salito sul terzo gradino del podio!

 

KSP_432_6141.JPG 

A monte un grande lavoro
Nel paddock e in pista, la professionalità del marchio Energy spinge i piloti e tutti i tecnici a dare il meglio di loro stessi a ogni gara. Questa "Energy Power" ha prodotto ancora una volta i suoi effetti in queste ultime settimane. Bisogna dire che il team diretto da Mick Panigada ha preparato perfettamente ognuna delle grandi competizioni internazionali di inizio stagione. "Con gare che contano spesso più di 300 piloti iscritti non è mai facile distinguersi", ha dichiarato il team manager italiano. "Ciò richiede un lavoro costante, una capacità di adattamento alle condizioni meteo quando sono variabili, com'è accaduto quest'anno, ma anche un dialogo continuo con il pilota per indirizzarlo verso la vittoria".


I posti migliori sul podio!
Nella Mini Rok, otto dei nove telai impegnati hanno conquistato la finale della Winter Cup nonostante l'elevato numero di concorrenti: ben 72! L'italiano Andrea Antonelli e il polacco Karol Pasiewicz si sono dimostrati straordinari durante le qualifiche e hanno iniziato la finale molto fiduciosi. Dopo una lotta all'ultimo sangue, i due telai Energy hanno tagliato per primi il traguardo, con la vittoria di Andrea su Karol. "Il mezzo, l'assistenza e il coaching sono stati perfetti, sia da parte della scuderia ufficiale Energy Corse sia da parte del team Revolution Motorsport. In generale vorrei complimentarmi con tutti coloro che hanno difeso i nostri colori durante il meeting", ha dichiarato soddisfatto Mick Panigada.

 

KSP_332_1994.JPG 

Jamie Day si distingue nella OK-Junior
A Lonato sono da segnalare anche le belle performance di alcuni piloti impegnati nelle altre categorie. Nella OK-Junior Jamie Day ha continuato a migliorarsi e i suoi sforzi sono stati premiati da una rimonta di tutto rispetto in tredicesima posizione in finale. Il pilota degli Emirati Arabi Uniti non manca certo di talento, come confermato dai due risultati nella top-6 nelle manche e dal giro più veloce. Se il russo Roman Shaparov ha vissuto un week-end da dimenticare, il giovane italiano Michael Paparo non ha fallito la sua delicata missione di qualificarsi per la finale, dove si è classificato 23°.
Nella OK, l'irlandese Ross Hayes stava quasi per conquistare il suo posto in finale, proprio come lo svedese Isac Sjokvist nella KZ2. Quest'ultimo può tuttavia ritenersi soddisfatto della rimonta di 39 posizioni durante le qualifiche, passando dal 66° al 36° posto. Mentre il russo Kochev Konstantin ha accumulato esperienza in questa categoria così combattuta come la KZ2 con 94 concorrenti, Emil Skaras e Joshua Fife non hanno temuto la super manche. Lo svedese e l'australiano sono riusciti a raggiungere il gruppo dei finalisti. Skaras ha concluso al 24° posto in classifica generale, proprio davanti a Fife, rimontato di sette posizioni.


Nuova vittoria nella 60 Mini
Dopo la neve che ha contraddistinto la manche della WSK Super Master Series a Lonato, i concorrenti hanno ritrovato le condizioni migliori per il proseguimento di questa WSK a La Conca nel sud Italia. Quando il grip è diventato più importante, il telaio ha risposto alle attese dei piloti. Nella 60 Mini, Andrea Antonelli si è dimostrato straordinario prendendo il comando della gara al termine delle manche, prima di confermarsi nella sua prefinale e in finale. In totale, compreso il vincitore, sono stati quattro i piloti della scuderia Energy Corse nei top-10: il russo Kirill Kutskov (3°), l'australiano Marcos Flack (8°) e il belga Ean Eyckmans (9°)! Con Valentin Turenkov, Matheus Carvalho e Karol Pasiewicz, sono stati sette i telai Energy qualificati nella finale.
I risultati di Energy Corse sono stati completati dal 16° e dal 24° posto di Loris Cabirou e di Jak Crawford nella OK-Junior e dal 16° e 19° posto di Joshua Fife e Isac Skojvist nella KZ2, mentre Emil Skaras è stato costretto al ritiro.


Energy al top negli Stati Uniti
Il lavoro della scuderia Energy Corse America continua a dare i suoi frutti in America del Nord. Oltre agli ottimi risultati nelle categorie IAME alla Winter Series, la Florida Winter Tour si è conclusa con una nota positiva a Orlando nel quadro della Rok Cup USA. Nella Junior, Luca Mars ha conquistato il quinto posto in classifica generale, mentre Hugh Templeman è rientrato nella top-10 nella Shifter Master. Nella Mini, Alex Powell e Diego Laroque hanno realizzato una bella prestazione di gruppo conquistando il quarto e quinto posto rispettivamente, mentre Paul Bocuse si è messo in evidenza classificandosi quarto nella prova a Ocala. Infine nella Micro, Danny Dyszelski continua a inanellare dei risultati brillanti: secondo a Ocala e a Orlando, si aggiudica logicamente il titolo di vice Campione 2018 in questa serie!


In Italia così come in tutto il mondo, i team che indossano i colori Energy Corse sono già pronti a ripartire alla conquista di nuovi risultati...

 

KSP_432_5964.JPG

Gli ultimi comunicati ENERGY Corse

Facebook Twitter Google+ Pinterest

Connessione

Partner